Oscuramento vetri auto: le sanzioni previste

oscuramento vetri auto sanzioni

Nonostante esiste una normativa sull’oscuramento dei vetri auto, esistono assai perplessità e problemi di interpretazione e di applicazione. Abbiamo visto infatti come esistano numerosi rischi possibili in caso di oscuramento vetri anteriori della propria auto. Facciamo chiarezza sulle sanzioni previste.

Secondo quanto afferma la circolare Prot. n. 1680/M360 dell’8 maggio 2002 lo Stato Italiano ha ritenuto di non adottare norme nazionali, rinviando la regolamentazione della materia alla eventuale emanazione di normative comunitarie. Nel rispetto dei principi di libera circolazione delle merci, così come stabilito dall’art. 28 del Trattato CEE è possibile applicare pellicole oscuranti per auto ai vetri laterali posteriori e al lunotto posteriore dei veicoli, fermo restando il rispetto dei campi di visibilità previsto dalle norme comunitarie. L’applicazione delle pellicole per vetri auto, inoltre, dovrà rispettare le seguenti previsioni:

1) che sulle pellicole sia apposto il marchio identificativo del costruttore delle pellicole medesime;

2) che dette pellicole siano state omologate per il vetro sul quale sono state applicate. A tale scopo dovrà essere esibito un certificato di omologazione, costituito all’estero, dal quale risulti che le pellicole montate siano state approvate per lo specifico tipo di vetro su cui sono state applicate. L’installatore dovrà certificare che il vetro, ovviamente di tipo omologato, ha lo spessore previsto in sede di approvazione delle pellicole.

Sulla base delle prescrizioni contenute nelle direttive 92/22/CE (vetri di sicurezza), 71/127/CEE (specchi retrovisori) e 77/649/CEE (campo di visibilità anteriore) non e’ consentita l’applicazione delle pellicole in argomento ne’ sul parabrezza ne’ sui vetri laterali anteriori; inoltre, l’applicazione sul lunotto posteriore, è ammessa solo a condizione che il veicolo sia allestito con specchi retrovisori esterni su ambo i lati.

Le pellicole oscuranti auto possono essere applicate, senza alcun aggiornamento della carta di circolazione, soltanto sui vetri laterali posteriori o sul lunotto posteriore. Se vengono applicate sul parabrezza, sui vetri laterali anteriori – ma anche sul lunotto posteriore senza che il veicolo sia munito di specchietti retrovisori su entrambi i lati – si applica l’art. 71 comma 6 del Codice della Strada ovvero:

Chiunque circola con un veicolo a motore o con un rimorchio non conformi alle prescrizioni stabilite dal regolamento è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da € 85,00 a € 338,00. Se i veicoli e i rimorchi sono adibiti al trasporto di merci pericolose, la sanzione amministrativa è da € 169,00 a € 679,00.

Come disposto dalla circolare, l’applicazione di pellicole per vetri auto non comporta l’aggiornamento della carta di circolazione, quindi se viene accertata la violazione, questa non può essere ritirata. Qualora sorgano dubbi sulla persistenza dei requisiti di sicurezza, rumorosità ed inquinamento prescritti, è possibile fare una segnalazione agli uffici della Direzione generale della Motorizzazione Civile, che possono ordinare in qualsiasi momento la revisione di singoli veicoli, ai sensi dell’art. 80 comma 5.